“La Forza di Arianna” performance agli Uffizi di Firenze

LA FORZA DI ARIANNA”
Performance di teatro d’ombre e musica dal vivo per “L’Arianna Dormiente”
Rassegna “Uffizi Live 2018”, Galleria Degli Uffizi, Firenze

 

di e con Silvio Gioia (Teatro d’ombre)
Giovannangelo De Gennaro (Musica Dal Vivo)
Con la consulenza teorica della Prof.ssa Francesca Lisi

Arianna, solitamente presentata come la ligia fanciulla intenta a tessere la tela le cui sorti sono decise prima da Teseo e poi da Dioniso.
Come mai le è stata dedicata una statua così importante?
Nella sua storia c’è qualcosa di diverso da ciò che ci hanno sempre raccontato?

Un racconto ironico e poetico su un personaggio tenuto “in ombra” ma riportato “alla luce” grazie agli studi approfonditi di una donna, Francesca Lisi, che, non convinta dell’interpretazione corrente imposta ad Arianna, ha riscoperto in lei molti aspetti divini propri della Grande Dea Madre.”

In scena, alcune torcette, le ombre di dieci dita e le note di strumenti musicali della tradizione medievale e primo rinascimento:viella,  flauti, dulcimer e canto.

Silvio Gioia – teatro d’ombre: già attore e animatore sociale, si è innamorato della propria ombra, per il suo potenziale espressivo, ed evocativo. Assieme a lei viaggia in Italia e all’ estero per raccontare storie e incontrare altre ombre in spettacoli, laboratori o istallazioni.

Giovannangelo De Gennaro – musica live: la sua ricerca affonda nella pratica della musica medievale italiana e del mediterraneo. Nel suo percorso musicale ha incontrato grandi maestri provenienti da ogni parte del mondo della world music. E’ parte della band del cantautore Vinicio Capossela. Recentemente ha suonato con Angelo Branduardi.

Prof. Francesca Lisi – consulente teorica: insegnante, di formazione filosofica e appassionata studiosa della simbologia nei miti e nelle fiabe.

https://www.uffizi.it/eventi/silviombre-giovannangelo-de-gennaro

                    

Ombre Migranti

Laboratori/Spettacoli con Richiedenti Asilo ospiti SPRAR di vari Comuni d’Italia

 

 

Le ombre accompagnano le persone in giro per il mondo.
E se fossero loro a raccontare le esperienze vissute, sogni, speranze e paure?

Anche l’estate 2018 mi ha regalato l’opportunità di incontrare tante persone in viaggio, in questo caso dai sud verso i nord del mondo, comunemente chiamate “migranti”,  che ieri erano nell’Africa Sub-Sahariana, in Libia o in Asia, oggi stazionano negli S.P.R.A.R. dei vari comuni italiani e domani…?

Il linguaggio espressivo dell’ombra abbatte le barriere linguistiche e può esaltare il bagaglio culturale. Così tutte le persone sono poste sullo stesso piano comunicativo con grande facilità e libertà.

P.S.: Per coloro che pongono delle differenze tra le persone:
Ricordiamoci che, visti all’ombra, siamo tutti neri!

 

                    

Si Riparte! Padania Tour

Tour “Delle Feste”

Teatro delle Ombre a Castel Sant’Angelo

Puglia Spring Tour

Dentro e fuori dalla caverna